fbpx
skip to Main Content
Qualche anno fa è stato pubblicato sulla rivista “Headache” uno studio scientifico che dimostra l’associazione tra emicrania ed endometriosi. L’articolo arriva alla conclusione che le donne con emicrania hanno una frequenza più alta di menorragia, endometriosi e conseguenze psicosociali.  Con le sue varie forme cliniche, l’emicrania rientra nel capitolo delle cefalee primarie, ossia di quelle forme in cui il “mal di testa” si presenta per anni o decenni senza che sia individuabile una causa organica. E’ nota da anni l’associazione tra attacchi emicranici e flusso mestruale che hanno portato alla definizione di emicrania mestruale in cui il 90% delle crisi dovrebbe essere confinato al periodo compreso tra i due giorni precedenti l’inizio del flusso mestruale e il termine dello stesso. L’emicrania mestruale è stata anche definita emicrania periodica proprio per la periodicità con cui compaiono i sintomi. Tale periodicità ricorre, con identica cadenza, nella maggior parte delle donne che soffrono di endometriosi, malattia in cui il sintomo principale è la dismenorrea, dolore pelvico intenso che si manifesta durante il flusso mestruale. Se ora pensiamo alla possibile associazione delle due patologie (emicrania mestruale + endometriosi) comprendiamo l’enorme influenza che i sintomi combinati delle due malattie possono avere sulla qualità della vita nei giorni di flusso mestruale.

Endometriosi e emicrania

 

Già nel 2004 uno studio italiano, condotto dall’Università di Genova e pubblicato su “Human Reproduction”, aveva rilevato nelle donne con endometriosi una maggiore prevalenza di emicrania. Le 133 donne incluse in questo studio sono state selezionate tra quelle in età riproduttiva che si erano rivolte al centro per sottoporsi a laparoscopia per cisti ovariche, infertilità, tumori uterini benigni e dolore pelvico. Di queste, tutte le donne che avevano accusato almeno un episodio di mal di testa nel precedente anno sono state rinviate a un neurologo, esperto in cefalee, che mediante un esame clinico aveva potuto identificare e classificare il disturbo, secondo criteri standard. Nel campione di donne con endometriosi circa un terzo soffriva di emicrania rispetto all’altro gruppo in cui solo il 15% manifestava la sindrome dolorosa. Ciò che colpiva era anche l’età di insorgenza del mal di testa, ben più precoce, 16 anni e mezzo, nelle donne con endometriosi rispetto ai quasi 22 anni delle altre. Per spiegare l’associazione di queste due malattie si presume che siano implicati dei mediatori biochimici, come per esempio le prostaglandine, ed altre sostanze prodotte dalla infiammazione derivante dalla presenza dell’endometriosi. Queste sostanze possono contribuire all’insorgenza degli attacchi emicranici condizionando la regolazione della sintesi dell’ossido nitrico.

Emicrania e endometriosi

I risultati ottenuti sollevano un’interessante questione che interessa molte donne, se si pensa che il 5% della popolazione femminile in età riproduttiva soffre di endometriosi, e il 15-19% soffre di emicrania.  Combinando i due dati, è possibile che due donne su 100 siano affette da entrambi i disturbi con incidenza negativa sulla qualità della vita delle donne.  Considerando che esistono possibilità terapeutiche sia per l’emicrania sia per l’endometriosi, sarà necessaria in futuro una stretta collaborazione tra ginecologi e neurologi per poter garantire una presa in cura globale del problema.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Consigli e indicazioni per vivere in modo sano l'endometriosi.

Back To Top
Cerca